lunedì 24 ottobre 2016

Risotto mantecato con salampatata

Sabato siamo stati al Castello di Masino alla Festa d'autunno del FAI, andiamo tutti gli anni, mi piace molto questa giornata, tra piante, oggetti di arredo per il giardino e tante buone proposte culinarie passo sempre una piacevole giornata.
Ormai ho i miei appuntamenti fissi, alcuni stand di piante particolari, quello delle mele, uno stand di arredi per il giardino ma in particolare vado sempre al banco della Salampatata, ne acquisto sempre una bella scorta che poi surgelo, in casa ne siamo tutti ghiotti.

Il salame di patate o salampatata è un salume tradizionale riconosciuto come Prodotto Agroalimentare Tradizionale (P.A.T.) italiano.Viene prodotto in Piemonte, in particolare nel Canavese e in alcune zone del Biellese. Le origini di questo salame sono riconducibili  alla seconda guerra mondiale, i contadini del Canavese e i torinesi sfollati in quella zona per sfuggire ai bombardamenti iniziarono ad aggiungere le patate bollite alla carne per ovviare alla scarsità di materia prima necessaria alla preparazione dei salami. L'insaccato viene preparato con patate bollite alle quali viene mescolata, con il tritacarne, una eguale quantità di carne suina, a sua volta per metà magra e per metà grassa. L'impasto è inoltre salato e viene insaporito con spezie in polvere tra le quali pepe, cannella, noce moscata e chiodi di garofano nonché con grani di pepe interi. Il tutto viene poi insaccato nel budellodi maiale e infine lasciato riposare per un giorno prima del consumo. La produzione avviene nella stagione fredda, in genere tra settembre e aprile.
Il salame di patate viene consumato spalmato su crostini di pane, oppure dopo essere stato riscaldato al forno o ancora come ingrediente per la preparazione di varie ricette.

Oggi vi propongo il risotto mantecato con il salampatata.
Ingredienti:
Riso
Cipolla
Vino bianco
Brodo
Pepe
Formaggio grana
Salampatata

Preparazione:
Preparare il brodo.
In una risottiera mettete l'olio e del burro con della cipolla bianca tritata molto finemente, fatelo dorare a fiamma bassa.
Unite il riso e fatelo tostare per un minuto senza smettere di mescolare con un cucchiaio di legno.
Sfumate con il vino bianco, mescolando di continuo, e quando è ben asciugato unite il brodo bollente.
Continuate unendo il brodo man mano che viene assorbito, mescolando di tanto in tanto, senza lasciare che il riso si asciughi troppo.
Spegnete il fuoco, unite il Parmigiano e un pezzetto di burro e mescolate. Aggiungete il salampatata sbriciolata mescolate bene.
Servite con una grattata di pepe fresco.


Posta un commento